I cieli di Philadelphia di Liz Moore

Il primo libro che una casa editrice decide di mandare alle stampe e, quindi, in libreria, in lettura, ai lettori, dopo un periodo come quello di una pandemia tanto imprevedibile, addirittura accidentale, eppure esasperante, agghiacciante sotto tanti più punti di vista di quanti ne possiamo contare, non deve necessariamente essere un segnale, un memento mori per ricordarci che la cesura tra un allora e un adesso è molto più evanescente, impercettibile e rarefatta del comune sentire (o volere?) e più pronta, semmai, a ricordarci che la partita tra l’allora e l’adesso, tra il tum e il nunc darà come risultato un futuro pronto a sfuggire nuovamente al nostro controllo. Tutto questo solo per dire che I cieli di Phidadelphia di Liz Moore con cui la NN Editore è tornata al suo pubblico dopo lo stop forzato ha inteso, invece, interpretare quel segnale di cui prima come un monito per sé e per gli altri. Continua a leggere “I cieli di Philadelphia di Liz Moore”

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: