La casa sfitta di Charles Dickens, Elizabeth Gaskell, Wilkie Collins, Adelaide Anne Procter

Ai tempi in cui Charles Dickens era direttore dell’Household Words, era solito fare una sorta di strenna natalizia ai lettori. Quella del 1858 (l’ultimo anno, peraltro, di collaborazione dello scrittore inglese con la rivista) fu un breve romanzo in quadri, La casa sfitta, scritto a otto mani dallo stesso Dickens insieme a Wilkie Collins, Elizabeth Gaskell e la poetessa Adelaide Anne Procter, tutti autori orbitanti nella stessa cerchia di artisti e intellettuali nell’Inghilterra vittoriana. Un romanzo che ha aspettato circa 150 anni prima di poter essere letto anche nel nostro paese grazie all’intuizione editoriale della Jo March Edizioni e alla bella traduzione di Camilla Caporicci, Valeria Mastroianni e Lorenza Ricci. Continua a leggere “La casa sfitta di Charles Dickens, Elizabeth Gaskell, Wilkie Collins, Adelaide Anne Procter”

La verità sul caso D. di Fruttero, Lucentini & Dickens

Il 9 giugno 1870 Charles Dickens muore lasciando incompiuto Il mistero di Edwin Drood, che diventa così uno dei più discussi “casi” della letteratura moderna, soprattutto perché il più grande narratore di storie di formazione del XIX secolo si confronta per la prima volta con il genere poliziesco, che aveva visto sin lì padrini di eccezione come Edgar Allan Poe e i suoi Delitti della Rue Morgue e Wilkie Collins e il suo La pietra di Luna (che curiosamente diventa l’interlocutore principale del testo, quasi a voler tracciare una sorta di competizione ideale tra Dickens e Collins). Come se la sarebbe cavata Dickens? Quale peso avrebbe occupato Il mistero di Edwin Drood nella storia della letteratura poliziesca? Continua a leggere “La verità sul caso D. di Fruttero, Lucentini & Dickens”

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: