Thomas Jay: intervista ad Alessandra Libutti

Continua il nostro viaggio alla scoperta di Thomas Jay di Alessandra Libutti. Oggi cediamo la parola direttamente all’autrice che ha gentilmente accettato di rispondere ad alcune domande.

Continua a leggere “Thomas Jay: intervista ad Alessandra Libutti”

I Bottoni di Napoleone di Penny Le Courter e Jay Burreson

Un saggio di chimica (secondo qualcuno, addirittura un manuale propedeutico allo studio della materia) o un saggio storico? I Bottoni di Napoleone di Penny Le Courter e Jay Burreson (Tea Editore) è un saggio su come la chimica ha cambiato il corso della Storia attraverso la scoperta, la sintesi, il serendipico incontro con 17 molecole.

Continua a leggere “I Bottoni di Napoleone di Penny Le Courter e Jay Burreson”

L’Uomo del Fuoco di Sabrina Guaragno

Dopo due anni di lunga e frenetica attesa, Nativi Digitali Edizioni ha pubblicato il secondo volume della Saga di Adaesha, seguito de La strega della Fonte: stiamo parlando de L’Uomo del Fuoco di Sabrina Guaragno, scrittrice giovane ma il cui talento, se nel primo libro era stato definito una premessa, adesso si può liberamente confermare una promessa mantenuta in pieno. A dispetto di tutti coloro i quali giudicano il fantasy come un genere di serie B senza comprendere che, sotto il profilo narrativo, è invece uno dei generi più complessi per struttura, stile e tecnica, L’Uomo del fuoco (che, lo ricordiamo, è la seconda parte di una tetralogia) dimostra quanto difficile possa rivelarsi padroneggiare bene la materia e produrre opere capaci di farsi apprezzare dai lettori. Ebbene, Guaragno in questo non teme confronti né paragoni, nemmeno i più ingombranti (personalmente, durante la lettura, il mio pensiero è corso spesso al Priorato dell’albero delle arance, uno dei casi letterari mondiali dello scorso anno).

Continua a leggere “L’Uomo del Fuoco di Sabrina Guaragno”

Il gioco del silenzio di Rob Keller (intervista + recensione)

Un thriller in chiaroscuro, Il gioco del silenzio di Rob Keller (DeAPlaneta), libro d’esordio che ha fatto molto parlare di sé – quasi un piccolo caso letterario – soprattutto tra i lettori del web: c’è chi lo ha amato e chi lo ha stroncato, in entrambi i casi senza quasi mai usare mezze misure. Bianco o nero. Ma forse dimentichiamo che un romanzo, soprattutto se di genere, può collocarsi in uno spazio di mezze tinte dove la lettura può assumere una funzione puramente evasiva, come andare al cinema, o a teatro, o a una mostra. Talvolta c’è bisogno di ricordarsi che leggere è (anche) solo leggere, passare del tempo, seguire l’evolversi di una storia, conoscere dei personaggi e alla fine chiudere il libro e avanti il prossimo. E quindi? E quindi diamo subito la parola all’autore, le cui risposte alle domande postegli spiegano meglio di qualunque elucubrazione o interpretazione la reale dimensione di questo romanzo. Continua a leggere “Il gioco del silenzio di Rob Keller (intervista + recensione)”

Un’interpreazione democratica di un classico dell’infanzia: Pinocchio di Collodi #leggiamodemocratico 1

Per iniziare a parlarvi di letture democratiche, ossia di quei libri che contengono – intenzionalmente o meno – princìpi, ideali, o anche solo metafore che si riferiscono alla democrazia, ho pensato a un romanzo classico, per alcuni un modello di lettura per l’infanzia. Ho pensato, ossia, a Pinocchio di Carlo Collodi (che peraltro tornerà sul grande schermo a Natale, con la regia di Matteo Garrone) anche sulla base di un’interpretazione studiata all’Università, esame di Storia delle dottrine politiche, che mentre elaboravo i libri sui quali focalizzare l’attenzione per questa rubrica è ritornato a galla dopo anni di oblio, sintomo – forse ‒ che il seme da cui è nata questa appendice del blog è rimasto a sedimentare dentro di me per un numero imprecisato di lustri, prima di trovare il terreno giusto dentro al quale germogliare e crescere. Continua a leggere “Un’interpreazione democratica di un classico dell’infanzia: Pinocchio di Collodi #leggiamodemocratico 1”

La metà che manca: il palpitante thriller d’esordio di Graham Jackson

Si fa chiamare Graham Jackson l’autore de La metà che manca (LettereAnimate Editore) ma dietro questo pseudonimo ci sono due ragazze italiane, italianissime anzi: Barbara ed Elena (la prima di Roseto degli Abruzzi e la seconda di Città di Castello), due giovani talenti che, un po’ per celia un po’ per amore, hanno riversato in questo fulminante esordio tutta la loro passione per la lettura e la scrittura, confezionando un thriller capace di tenere il lettore incollato alla pagina o l’e-reader acceso quasi in perpetuo fino ad arrivare al termine della storia. Continua a leggere “La metà che manca: il palpitante thriller d’esordio di Graham Jackson”

Segnalazioni e Nuove uscite: Dall’Irlanda con amore, tornano Lucinda Riley e Catherine Dunne

Tornano in questi giorni in librerie due tra le autrici straniere più amate dalle lettrici italiane: Lucinda Riley, con un nuovo appassionante capitolo della sua saga: Le sette sorelle, e Catherine Dunne che con il suo La metà di niente ha scalato le classifiche.

Entrambe irlandesi, entrambe donne, entrambe maestre nell’intrecciare storie di inconfondibile suggestione. Continua a leggere “Segnalazioni e Nuove uscite: Dall’Irlanda con amore, tornano Lucinda Riley e Catherine Dunne”

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: