La Saga dei Cazalet: Confusione

Ho letto divorato i primi due volumi della saga dei Cazalet (Fazi Editore) nel 2017, riproponendomi di riprendere e terminare l’intero ciclo nel 2018.

La verità è che una volta che sei entrato nella famiglia Cazalet, non ne vuoi uscire più. E solo una ferrea autodisciplina (o un atto di incredibile masochismo) permette di diluire la lettura nel tempo. Tuttavia, non potevo che iniziare con il terzo, Confusione, esattamente a Capodanno, proprio per “restare in famiglia”. Perciò, ho brindato al 2018 in loro compagnia (anche se alla fine de Gli anni dell’attesa li avevamo lasciati giustappunto a Natale, il terzo dall’inizio della Seconda Guerra Mondiale, e forse non c’era granché da festeggiare).

26219233_874379262727091_2745612592825880503_n

È incredibile come ogni volta che si sfogliano queste pagine ci si immerga non in una lettura ma in una vita, anzi tante vite che pare siano proprio le tue: ritrovo sempre qualcosa di me in ognuno (o quasi) dei personaggi, soprattutto nelle tre cugine (che è poi quanto, per sua stessa ammissione, ha fatto l’autrice, Elizabeth Jane Howard, frammentando se stessa nelle tre ragazze: Louise, Polly e Clary). E se nel secondo era Polly quella che sentivo più vicina, questa volta è toccato a Clary calarsi nei miei panni (è quasi una magia ma è così: uno dei pochi libri dove i personaggi sono tanto vivi e palpitanti, e trasudanti verità, da far sentire il lettore un personaggio e non il contrario).

Se non avete letto i primi due volumi, Gli anni della leggerezza e Gli anni dell’attesa, sicuramente questi nomi e queste mie poche e spicciole riflessioni non avranno molto da dirvi, ma questa recensione è legata alla BookChallenge di Iread per la categoria: seguito di un libro. E per quanto mi piacerebbe scrivere di ogni singolo volume, credo invece che aspetterò di terminare tutti e cinque i libri per potervene parlare con maggiore ampiezza e consapevolezza.

In breve posso dirvi solo che la saga dei Cazalet narra le vicende di un’intera famiglia inglese alto borghese, iniziando alle soglie dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale fino ad arrivare agli anni cinquanta, quando Tutto Cambia. Al centro, perno e metafora di tutto ciò che accade, ci sono le tre cugine Louise, Polly e Clary e la loro conquista di un posto nel mondo, un mondo in bilico tra passato e futuro; un mondo in cui la realtà deve fare i conti con la Storia. Attorno a loro una pletora di personaggi tra genitori, nonni, zii, altri cugini, amici, amanti, spasimanti, personale di servizio. Che, straordinariamente, Elizabeth Jane Howard riesce a rendere tutti, nel loro piccolo, protagonisti. Magari per un capitolo o poco meno, ma si finisce per affezionarcisi comunque, sviluppare simpatie e antipatie, affinità e disappunto, proprio come nella vita vera.

2018-01-09-10-16-21-534

 

Confusione peraltro è un titolo più che appropriato: come la leggerezza era la qualità che più traspirava nel primo, e il pathos dell’attesa nel secondo, qui vaga davvero una fortissima confusione, come se nessuno sapesse esattamente dove andare o cosa fare. A cominciare dalle protagoniste che si trovano continuamente a scegliere e quasi sempre a sbagliare. Ma vaga confusa ed erronea anche la società intera, ancora fittamente strozzata dalle grevi maglie della guerra; persino la struttura generale del romanzo è più sincopata, “confusa” appunto, frammentata. Perché questo romanzo vive e alla vita non si può dare un ordine strutturale. Capita. Come capita a Louise di confondere l’amore, ma anche a Polly di confondere il volere col dovere. Capita a Zoe di confondere il bisogno con l’affetto, a Villy di confondere il sogno con la realtà, a Rachel di confondere la sua vita con quella degli altri… Clary, dal canto suo, osserva tutto e tutti e intanto non si accorge della confusione che regna anche dentro se stessa.

Titolo: Confusione

Autore: Elizabeth Jane Howard

Editore: Fazi

Pagine: 526

Costo: 18,50

Una risposta a "La Saga dei Cazalet: Confusione"

I commenti sono chiusi.

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: